top of page
  • Immagine del redattoreRoberto Calcaterra

Cefalea, il messaggio nascosto.

La cefalea è una patologia che interessa circa il 25% della popolazione italiana con una prevalenza maggiore nel sesso femminile di tre volte rispetto ai soggetti maschi.


È una malattia spesso invalidante, multifattoriale con riacutizzazioni frequenti anche in soggetti in terapia cronica specifica.


Possiamo affrontare il problema, senza l'uso a priori di farmaci, proponendo un cambiamento alimentare adeguato.


Alcuni alimenti ben precisi, che coinvolgono il nostro sistema digestivo in maniera importante e che non sono altro che gli alimenti a cui ognuno di noi è soggettivamente intollerante, sono il substrato biochimico della genesi della cefalea.

L’alcool, i formaggi stagionati e gli insaccati sono in grado di scatenare un attacco acuto di mal di testa.


La tiroide e i suoi significati: la sindrome metabolica
La cefalea

Tali tossine alimentari, sono in grado di generare un attacco cefalgico non essendo più neutralizzate dal fegato e dalle vie biliari sovraccaricati. La bile, se circola in quantità eccessiva, genera uno spasmo delle piccole arterie cerebrali dando origine all'emicrania.

Anche un reflusso gastrico che non sei consapevole di avere o trattato con i comuni gastroprotettori, è in grado di generare cefalea, soprattutto notturna.


Il fegato, a livello energetico, gestisce i muscoli e perciò molte cefalee muscolo-tensive rispondono a un cambiamento alimentare e a una depurazione dell’asse fegato-cistifellea-intestino. È sempre il fegato che governa energeticamente l’occhio, ed è responsabile della fotobia e dai disturbi visivi che vengono associati al fenomeno chiamato "aura".


Anche lo stress, unito a uno stile di vita sedentario, all'abuso di alcool, al fumo e alle sostanze eccitanti concorrono ad aggravare tale sintomatologia.


Se ascoltassimo ciò che un attacco di cefalea ci impone, dovremmo chiuderci in una stanza al buio, stare a digiuno, con il telefono spento e dormire un giorno intero.


La cefalea è caratteristica propria di soggetti troppo legati al controllo e sottoposti a un eccesso di informazioni che non vengono elaborate ed eliminate. È come se un computer ricevesse costantemente un bombardamento di dati che mandano il processore in corto circuito provocandone lo spegnimento.


Come ogni patologia, la cefalea ci porta un messaggio profondo di riflessione, cambiamento e trasformazione. A partire imprescindibilmente da un cambiamento delle nostre abitudini alimentari.


Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page
<